Accordi e disaccordi

Franco Buccino

Nei giorni scorsi è stato raggiunto un accordo tra governo e sindacati della scuola, che ha fatto revocare lo sciopero già proclamato per il 17 maggio. “Sospendere, non revocare” precisano i sindacati; ma dopo il 17 maggio resta solo il blocco degli scrutini… Determinante per l’accordo è stata la scadenza elettorale ravvicinata: uno sciopero è sempre un problema per la maggioranza di governo. E poi il voto del personale della scuola ha un notevole peso quantitativo e qualitativo. Lo sanno bene il presidente Conte, presente alla trattativa, e il sottosegretario Giuliano, che hanno provato a neutralizzare il ministro Bussetti e le posizioni della Lega sul tema “istruzione”.

L’accordo o intesa riguarda vari aspetti. Uno sulla materia più propriamente sindacale: il rinnovo del contratto collettivo di lavoro per quanti operano nei settori di scuola, università e ricerca. Un altro pure importante riguardante il precariato; un altro ancora il sistema scolastico nazionale.

Per la parte relativa al contratto il governo si impegna a trovare risorse con la prossima finanziaria, quella famosa, del banco di prova o della resa dei conti, su cui si concentra l’attenzione di tutti. A dire di volersi impegnare a trovare le risorse non si è molto credibili, soprattutto alla vigilia di elezioni importanti. E poi c’è anche, per la verità, un brutto precedente. I dirigenti scolastici, quelli del controllo biometrico cioè delle impronte, aspettano da dicembre ancora la “certificazione” dell’ipotesi del loro Ccnl, sottoscritto con il governo. Per gli insegnanti e le altre figure, per adesso di concreto c’è ben poco. Anzi, solo il riconoscimento che la loro retribuzione è sotto di un 24% a quella media dei colleghi europei.

Nell’intesa si parla anche di precariato, o meglio, più che dei precari si parla dei posti che rimangono scoperti dopo i pensionamenti. Non ci troviamo mai pronti a sostituire i colleghi che vanno in pensione! E quando ci arriviamo, si sono liberati tanti altri posti e creato tanto nuovo precariato. Come affrontare l’emergenza che si determinerà, per via dei pensionamenti, all’inizio del prossimo anno scolastico? I sindacati hanno “strappato” l’impegno al governo di indire corsi di abilitazione e concorsi straordinari per tutto il personale con tre anni di servizio. È facile immaginare che per settembre prossimo il percorso di reclutamento non si sarà neppure avviato!

Risultati ben più soddisfacenti sono stati raggiunti dai sindacati della scuola sul sistema scolastico nazionale. E cioè sulla materia che meno si prestava a un accordo sindacale. Nell’intesa si parla di “garanzia di un sistema di reclutamento del personale della scuola uniforme in tutto il Paese con inquadramenti giuridici regolati esclusivamente dal CCNL e di tutela della unitarietà degli ordinamenti statali, dei curriculi e del sistema di governo delle istituzioni scolastiche autonome”. Mettendo in tal modo in discussione nientemeno che l’autonomia differenziata.

E così l’intesa siglata nella notte tra il 23 e il 24 aprile 2019 è modesta nei risultati per quanto riguarda il contratto di lavoro. È del tutto inadeguata per quanto riguarda l’emergenza pensionamenti e i diritti dei precari. Ma potrebbe diventare uno straordinario strumento per far saltare l’autonomia differenziata, il difficile equilibrio nella maggioranza, perfino il governo. Potenza della scuola e… delle elezioni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.